Chaaria è un sogno da realizzare giorno per giorno.

Un luogo in cui vorrei che tutti i poveri e gli ammalati venissero accolti e curati.

Vorrei poter fare di più per questa gente, che non ha nulla e soffre per malattie facilmente curabili, se solo ci fossero i mezzi.

Vorrei smetterla di dire “vai altrove, perché non possiamo curarti”.

Anche perché andare altrove, qui, vuol dire aggiungere altra fatica, altro sudore, altro dolore, per uomini, donne e bambini che hanno già camminato per giorni interi.

E poi, andare dove?

Gli ospedali pubblici hanno poche medicine, quelli privati sono troppo costosi.

Ecco perché penso, ostinatamente, che il nostro ospedale sia un segno di speranza per questa gente. Non ci sarà tutto, ma facciamo il possibile. Anzi, l’impossibile.

Quello che mi muove, che ci muove, è la carità verso l’altro, verso tutti. Nessuno escluso.

Gesù ci ha detto di essere presenti nel più piccolo e nel più diseredato.

Questo è quello che facciamo, ogni giorno.


Fratel Beppe Gaido


martedì 5 aprile 2011

Benedicta

... E' una giovane donna affetta da un tumore dello zigomo destro.
L'istologico ha documentato un mixoma odontogeno.
Grazie all'interessamento ed all'aiuto economico dell'odontoiatra Dr Ninni Ortu, Benedicta puo' sperare in una terapia.
Le abbiamo oggi anticipato una somma di denaro che le servira' per la TAC, il ricovero in clinica universitaria a Nairobi e l'intervento chirurgico gia' propostole.
Siamo sicuri che Benedicta non abusera' della generosita' del Dr Ninni e si rechera' certamente all'ospedale domani... anche perche' e' una ragazza intelligente e sa benissimo che, intascarsi questi soldi e non andare in clinica, vorrebbe dire una morte sicura.
Ringraziamo ancora tutte quelle persone che credono nella solidarieta' e nell'aiuto fraterno verso i meno abbienti.
Benedicta mi ha affidato il seguente messaggio: "Di' ai benefattori che prego per loro affinche' Dio li benedica".

Fr Beppe

Nessun commento:

Guarda il video....