Chaaria è un sogno da realizzare giorno per giorno.

Un luogo in cui vorrei che tutti i poveri e gli ammalati venissero accolti e curati.

Vorrei poter fare di più per questa gente, che non ha nulla e soffre per malattie facilmente curabili, se solo ci fossero i mezzi.

Vorrei smetterla di dire “vai altrove, perché non possiamo curarti”.

Anche perché andare altrove, qui, vuol dire aggiungere altra fatica, altro sudore, altro dolore, per uomini, donne e bambini che hanno già camminato per giorni interi.

E poi, andare dove?

Gli ospedali pubblici hanno poche medicine, quelli privati sono troppo costosi.

Ecco perché penso, ostinatamente, che il nostro ospedale sia un segno di speranza per questa gente. Non ci sarà tutto, ma facciamo il possibile. Anzi, l’impossibile.

Quello che mi muove, che ci muove, è la carità verso l’altro, verso tutti. Nessuno escluso.

Gesù ci ha detto di essere presenti nel più piccolo e nel più diseredato.

Questo è quello che facciamo, ogni giorno.


Fratel Beppe Gaido


domenica 26 giugno 2011

Un nuovo volontario

Abbiamo ieri accolto il dott Guidobaldi, medico dell sport di Torino.
Gli diamo il benvenuto nella nostra famiglia e gli auguriamo buon lavoro, ed una esperienza che corrisponda in pieno alle sue aspettative.
Oggi per lui e per la dottoressa Dassoni e’ pero’ una giornata diversa che dedicheranno ad una escursione nella foresta di Mukululu.
Per Federica si tratta di un momento di pausa dopo una settimana pienissima, e per Franco di un “ricostituente” prima della grande maratona che per lui comincera’ domani.

La comunita’ di Chaaria

Nessun commento:

Guarda il video....