Chaaria è un sogno da realizzare giorno per giorno.

Un luogo in cui vorrei che tutti i poveri e gli ammalati venissero accolti e curati.

Vorrei poter fare di più per questa gente, che non ha nulla e soffre per malattie facilmente curabili, se solo ci fossero i mezzi.

Vorrei smetterla di dire “vai altrove, perché non possiamo curarti”.

Anche perché andare altrove, qui, vuol dire aggiungere altra fatica, altro sudore, altro dolore, per uomini, donne e bambini che hanno già camminato per giorni interi.

E poi, andare dove?

Gli ospedali pubblici hanno poche medicine, quelli privati sono troppo costosi.

Ecco perché penso, ostinatamente, che il nostro ospedale sia un segno di speranza per questa gente. Non ci sarà tutto, ma facciamo il possibile. Anzi, l’impossibile.

Quello che mi muove, che ci muove, è la carità verso l’altro, verso tutti. Nessuno escluso.

Gesù ci ha detto di essere presenti nel più piccolo e nel più diseredato.

Questo è quello che facciamo, ogni giorno.


Fratel Beppe Gaido


sabato 11 febbraio 2012

Alla cara memoria


Oggi vogliamo ricordare ed onorare la memoria di Giuseppe Addis, noto agli amici come Pupo.
Era nato a Teulada il 5/9/1924; specialista in chirurgia generale e fondatore del reparto di chirurgia dell’ospedale di Muravera (Ca).
Successivamente e’ stato primario della chirurgia di San Marcello Pistoiese, ed ha lavorato a lungo all’ospedale di Iglesias (Ca).
Ammalatosi gravemente e’ stato ripetutamente ricoverato nel reparto dove lavora il Dr Luciano Cossu, ed e’ in seguito deceduto il 27/5/2007.
Durante I suoi ricoveri, tramite il Dr Cossu , e’ venuto a sapere di Chaaria, ed ha voluto donare il suo strumentario chirurgico personale al Cottolengo Mission Hospital. Tale material e’ in ottime condizioni, e un anno circa dopo la morte, la moglie Adriana Bellinvia Addis ha dato seguito al suo volere.
La stragrande maggioranza degli strumenti e’ ormai in uso nella sala operatoria di Chaaria da tempo.
Alcuni strumenti, ormai superati e di valore storico-estetico, sono stati oggetto di un’asta nel corso di una cena di beneficienza pro-Chaaria.
Di tutto questo ringraziamo il defunto Dr Addis e la sua consorte. Assicuriamo la nostra preghiera sincera e la nostra infinita riconoscenza.

Fr Beppe Gaido 




4 commenti:

Giovanna Gaias ha detto...

Leggo della donazione degli strumenti chirurgici da parte di Dottor Pupo Addis.Vorrei che di lui si sapesse che i suoi innumerevoli pazienti l'hanno amato e stimato perchè le sue diagnosi erano frutto di competenze mediche e di forte intuito,di modestia,dote purtroppo pernociosamente rara,di premura e fraterna partecipazione alla sofferenza altrui, di dedizione assoluta al suo compito altissimo e delicato,di interesse del malato al di sopra di tutto.L'eredità materiale che dottor Addis lascia alla missione è solo l'ultimo gesto generoso di un Uomo e Medico, non unico ma come pochi.

Caterina ha detto...

Grazie carissimo dott.Addis per avermi salvato la vita più di trent'anni fa. Non dimenticherò mai la sua infinità disponibilità, la sua disinteressata attenzione la sua preziosa professionalita,la sua rara e insostituibile umanita. Grazie di cuore

Caterina ha detto...

Grazie carissimo dott.Addis per avermi salvato la vita più di trent'anni fa. Non dimenticherò mai la sua infinita disponibilità, la sua disinteressata attenzione, la sua preziosa professionalità, la sua rara ed insostenibile umanità. Con profonda riconoscenza e gratitudine,grazie di cuore

Caterina ha detto...

Mi sono accorta del grave errore nel mio scritto :non insostenibile ma INSOSTITUIBILE umanità

Guarda il video....