Chaaria è un sogno da realizzare giorno per giorno.

Un luogo in cui vorrei che tutti i poveri e gli ammalati venissero accolti e curati.

Vorrei poter fare di più per questa gente, che non ha nulla e soffre per malattie facilmente curabili, se solo ci fossero i mezzi.

Vorrei smetterla di dire “vai altrove, perché non possiamo curarti”.

Anche perché andare altrove, qui, vuol dire aggiungere altra fatica, altro sudore, altro dolore, per uomini, donne e bambini che hanno già camminato per giorni interi.

E poi, andare dove?

Gli ospedali pubblici hanno poche medicine, quelli privati sono troppo costosi.

Ecco perché penso, ostinatamente, che il nostro ospedale sia un segno di speranza per questa gente. Non ci sarà tutto, ma facciamo il possibile. Anzi, l’impossibile.

Quello che mi muove, che ci muove, è la carità verso l’altro, verso tutti. Nessuno escluso.

Gesù ci ha detto di essere presenti nel più piccolo e nel più diseredato.

Questo è quello che facciamo, ogni giorno.


Fratel Beppe Gaido


mercoledì 23 maggio 2012

Una lezione all'ordine dei medici


Anche oggi Chaaria e’ stata interpellata per una lezione magistrale presso l’ordine dei medici di Meru, ed anche oggi abbiamo avuto la possibilita’ di proporre il nostro ospedale, non solo come un centro di diagnosi e terapia molto apprezzato dalla gente, ma anche come un polo di studio e di ricerca nel campo della medicina.
La lezione e’ stata un grande successo, e per la aggiornatissima analisi bibliografica oltreche’ per l’ottima presentazione grafica, io ringrazio di cuore il mio fedele e consulente scientifico, dottoressa Nadia Chiapello.
Ci sono state molte domande a cui fortunatamente ho saputo far fronte senza inciampare.
E’ quindi nata una bella discussione tra i medici presenti che si sono dimostrati ben impressionati dall’impegno dimostrato nel preparare le 30 diapositive proposte.
Quest’anno e’ la seconda volta che l’ordine dei medici di Meru si rivolge a Chaaria per una lezione magistrale... e mi hanno detto che potrebbero esserci altre opportunita’ prima della fine dell’anno.
Anche per l’esito della serata di oggi rendo grazie al Signore che mi ha protetto e sostenuto pure su una strada resa scivolosa dalla pioggia.
Fr Beppe Gaido

Nessun commento:

Guarda il video....