Chaaria è un sogno da realizzare giorno per giorno.
Un luogo in cui vorrei che tutti i poveri e gli ammalati venissero accolti e curati.
Vorrei poter fare di più per questa gente, che non ha nulla e soffre per malattie facilmente curabili, se solo ci fossero i mezzi.
Vorrei smetterla di dire “vai altrove, perché non possiamo curarti”.
Anche perché andare altrove, qui, vuol dire aggiungere altra fatica, altro sudore, altro dolore, per uomini, donne e bambini che hanno già camminato per giorni interi.
E poi, andare dove?
Gli ospedali pubblici hanno poche medicine, quelli privati sono troppo costosi.
Ecco perché penso, ostinatamente, che il nostro ospedale sia un segno di speranza per questa gente. Non ci sarà tutto, ma facciamo il possibile. Anzi, l’impossibile.
Quello che mi muove, che ci muove, è la carità verso l’altro, verso tutti. Nessuno escluso.
Gesù ci ha detto di essere presenti nel più piccolo e nel più diseredato.
Questo è quello che facciamo, ogni giorno.

Fratel Beppe Gaido

lunedì 23 giugno 2014

Ancora nuovo strumentario per ortopedia

Chaaria ha ricevuto il kit completo per l'esecuzione di una nuova tecnica chirurgica ortopedica. 
Si tratta dell'apposizione di chiodo endomidollare che va a sostituire l'osteosintesi con placca in quelle fratture in cui l'osso è molto vicino alla cute e si rischia quindi che la placca decubiti sulla pelle già tesa ed edematosa dopo una frattura.

Abbiamo ricevuto tantissimo materiale: in parte sono strumenti, in parte sono beni di consumo come i chiodi stessi e le viti, ed in parte sono nuove strutture da apporre al letto operatorio per la trazione.
La nuova tecnica chirurgica naturalmente impone l'uso del fluoroscopio per il controllo radiologico intraoperatorio, macchinario che già ci è stato donato l'anno scorso.



Nuovamente diciamo grazie al Dr Luciano Cara ed alla Associazione dei Volontari Sardi che ci sostengono così generosamente nella nostra crescita ortopedica.

Fr. Beppe Gaido

Nessun commento:


Chaaria è un sogno da realizzare giorno per giorno.

Un luogo in cui vorrei che tutti i poveri e gli ammalati venissero accolti e curati.

Vorrei poter fare di più per questa gente, che non ha nulla e soffre per malattie facilmente curabili, se solo ci fossero i mezzi.

Vorrei smetterla di dire “vai altrove, perché non possiamo curarti”.

Anche perché andare altrove, qui, vuol dire aggiungere altra fatica, altro sudore, altro dolore, per uomini, donne e bambini che hanno già camminato per giorni interi.

E poi, andare dove?

Gli ospedali pubblici hanno poche medicine, quelli privati sono troppo costosi.

Ecco perché penso, ostinatamente, che il nostro ospedale sia un segno di speranza per questa gente. Non ci sarà tutto, ma facciamo il possibile. Anzi, l’impossibile.

Quello che mi muove, che ci muove, è la carità verso l’altro, verso tutti. Nessuno escluso.

Gesù ci ha detto di essere presenti nel più piccolo e nel più diseredato.

Questo è quello che facciamo, ogni giorno.


Fratel Beppe Gaido


Guarda il video....