Chaaria è un sogno da realizzare giorno per giorno.

Un luogo in cui vorrei che tutti i poveri e gli ammalati venissero accolti e curati.

Vorrei poter fare di più per questa gente, che non ha nulla e soffre per malattie facilmente curabili, se solo ci fossero i mezzi.

Vorrei smetterla di dire “vai altrove, perché non possiamo curarti”.

Anche perché andare altrove, qui, vuol dire aggiungere altra fatica, altro sudore, altro dolore, per uomini, donne e bambini che hanno già camminato per giorni interi.

E poi, andare dove?

Gli ospedali pubblici hanno poche medicine, quelli privati sono troppo costosi.

Ecco perché penso, ostinatamente, che il nostro ospedale sia un segno di speranza per questa gente. Non ci sarà tutto, ma facciamo il possibile. Anzi, l’impossibile.

Quello che mi muove, che ci muove, è la carità verso l’altro, verso tutti. Nessuno escluso.

Gesù ci ha detto di essere presenti nel più piccolo e nel più diseredato.

Questo è quello che facciamo, ogni giorno.


Fratel Beppe Gaido


mercoledì 2 luglio 2014

Lettera di Franco

Scrivo mentre sono volontario al  Chaaria Cottolengo Mission Hospital per la 4 volta negli ultimi 3 anni.
Che bello ritrovarsi con i vecchi...amici Fr Bebbe e Fr Giancarlo....con tanti operatori, dalla donna delle pulizie agli autisti, infermieri e clinical officer...oramai amici anche se lontani per mesi.
E soprattutto vedere di persona gli enormi miglioramenti alle strutture, all' organizzazione dei reparti....e poi il toccare con mano le persone che hanno veramente bisogno ammalati poveri, persone che non saprebbero dove andare ....in questo vedo lo spirito del Fondatore del Cottolengo ...e penso che da lassù lui sorrida nel vedere tutto questo...
Bisogna viverla Chaaria essere presenti,  per capire la realtà del posto...
Grazie Chaaria, grazie Beppe e Giancarlo di darmi la possibilità di toccare con mano la grandezza del Signore in un posto meraviglioso e così lontano dalle nostre meravigliose...realtà locali....
Dovevo scrivere il mio pensiero....ed ora corsetta mattutina in compagnia del mitico Toffy.

Ciao,
Franco Guidobaldi

Nessun commento:

Guarda il video....