Chaaria è un sogno da realizzare giorno per giorno.

Un luogo in cui vorrei che tutti i poveri e gli ammalati venissero accolti e curati.

Vorrei poter fare di più per questa gente, che non ha nulla e soffre per malattie facilmente curabili, se solo ci fossero i mezzi.

Vorrei smetterla di dire “vai altrove, perché non possiamo curarti”.

Anche perché andare altrove, qui, vuol dire aggiungere altra fatica, altro sudore, altro dolore, per uomini, donne e bambini che hanno già camminato per giorni interi.

E poi, andare dove?

Gli ospedali pubblici hanno poche medicine, quelli privati sono troppo costosi.

Ecco perché penso, ostinatamente, che il nostro ospedale sia un segno di speranza per questa gente. Non ci sarà tutto, ma facciamo il possibile. Anzi, l’impossibile.

Quello che mi muove, che ci muove, è la carità verso l’altro, verso tutti. Nessuno escluso.

Gesù ci ha detto di essere presenti nel più piccolo e nel più diseredato.

Questo è quello che facciamo, ogni giorno.


Fratel Beppe Gaido


mercoledì 31 dicembre 2014

Buon Anno a tutti!

Carissimi amici e lettori,

alla fine del 2014 il mio augurio è che per ognuno di voi il nuovo anno porti gioia e felicità.
Auguro a tutti un anno pieno di soddisfazioni, di salute e di tranquillità.
In questo capodanno mi viene soprattutto da pregare e da augurare ad ognuno il dono della pace: pace con se stessi, pace nelle famiglie, pace nei gruppi, pace nella società, pace nel mondo.
Grazie ancora a tutti coloro che ci vogliono bene e che ci incoraggiano e sostengono nel nostro servizio.
Saremo ancora insieme nel 2015, con lo stesso sogno di amore incondizionato e di servizio verso i bisognosi, i malati ed i poveri.
Saremo insieme anche nella realizzazione dei nuovi tasselli che ci proponiamo di iniziare nel nuovo anno per il completamento di Chaaria:
ci sono tanti progetti davanti a noi, che, con la benedizione del Signore e con il vostro aiuto, speriamo di portare pian piano a compimento.


Vi cito solo alcuni di questi sogni e vi terrò informati cammin facendo:
1) presto inaugureremo la nuova maternità
2) abbiamo in programma un grosso lavoro di ristrutturazione della rete fognaria e dei servizi igienici.
3) speriamo di poter spostare i gabinetti della pediatria in un posto più idoneo, in quanto attualmente sono veramente troppo centrali ed a volte portano puzza a tutto l'ospedale
4) pensiamo alla costruzione di un luogo di preghiera per l'ospedale, che sarà aperto a tutte le fedi e per questo sarà in parte cappella ed in parte moschea/tempio (abbiamo pazienti di tutte le denominazioni cristiane, ma molti sono i musulmani e gli hindu). Questo è anche un
desiderio esplicito di Fr Lodovico, prima della sua morte.
5) inizieremo la costruzione del nuovo laboratorio analisi, in collaborazione con l'Associazione Volontari Mission Cottolengo e la Comunità di Sant'Egidio.

So che saremo in comunione in tutti questi nuovi progetti, e soprattutto nel portare avanti il duro lavoro di servizio diretto ai malati, che continuano ad essere veramente tanti.
Buon anno a tutti.
Noi a Chaaria concluderemo il 2014 con la messa di mezzanotte in parrocchia.
Auguri anche da parte di Fr Giancarlo, dei Fratelli e delle Suore.

Fr Beppe


Nessun commento:

Guarda il video....