Chaaria è un sogno da realizzare giorno per giorno.

Un luogo in cui vorrei che tutti i poveri e gli ammalati venissero accolti e curati.

Vorrei poter fare di più per questa gente, che non ha nulla e soffre per malattie facilmente curabili, se solo ci fossero i mezzi.

Vorrei smetterla di dire “vai altrove, perché non possiamo curarti”.

Anche perché andare altrove, qui, vuol dire aggiungere altra fatica, altro sudore, altro dolore, per uomini, donne e bambini che hanno già camminato per giorni interi.

E poi, andare dove?

Gli ospedali pubblici hanno poche medicine, quelli privati sono troppo costosi.

Ecco perché penso, ostinatamente, che il nostro ospedale sia un segno di speranza per questa gente. Non ci sarà tutto, ma facciamo il possibile. Anzi, l’impossibile.

Quello che mi muove, che ci muove, è la carità verso l’altro, verso tutti. Nessuno escluso.

Gesù ci ha detto di essere presenti nel più piccolo e nel più diseredato.

Questo è quello che facciamo, ogni giorno.


Fratel Beppe Gaido


domenica 26 aprile 2015

Tetano

Abbiamo ricevuto un giovane completamente rigido ed inarcato all’indietro sulla spina dorsale. La cosa che piu’ in lui colpiva era il fatto di essere cosciente ma incapace di controllare la rigidita’ della schiena. 
Aveva anche le mandibole bloccate (non poteva aprire la bocca) e faceva continuamente una smorfia che poteva anche sembrare un sorriso se la situazione non fosse stata drammatica a causa del fatto che lui aveva dolore incredibile a causa dello spasmo muscolare sia alla mandibola che alla schiena.
Ogni piccolo rumore, come il grido di un compagno di camera, o un cucchiaio caduto per terra, suscitava in lui continui attacchi di contrazioni muscolari dolorosissime.
Un fatto che e’ stato importantissimo per noi al fine di giungere alla diagnosi e’ stato il dato che il giovane era stato circonciso tradizionalmente pochi giorni orsono. Lo abbiamo guardato e ci siamo accorti che l’area era terribilmente infetta, con zone di necrosi secca, sotto le quali i batteri anaerobi (cioe’ quelli incapaci di sopravvivere in ambienti ricchi di ossigeno) avrebbero potuto moltiplicarsi.
Mettendo insieme tutti questi elementi siamo giunti alla diagnosi: si tratta sicuramente di tetano.


Abbiamo quindi cercato di ripulire la ferita indetta, esponendola all’aria ed usando abbondante acqua ossigenata. Abbiamo fatto un richiamo antitetanico, in quanto siamo sprovvisti delle immunoglobuline. Abbiamo coperto il ragazzo con Penicilline e Metronidazolo endovena, con lo scopo di uccidere i batteri ancora vivi ed in circolo, prima che la loro tossina possa intaccare maggiormente il sistema nervoso centrale.
Abbiamo sedato il ragazzo sia con barbiturici in muscolo sia con infusione continua di valium. Lo abbiamo isolato in una stanza buia e abbiamo proibito le visite.
Sappiamo che il malato avrebbe bisogno di terapia intensiva e di respirazione assistita, ma nelle nostre condizioni, non gli e la possiamo offrire.
Siamo anche ben coscienti del fatto che il 90% dei nostri malati di tetano sono deceduti nonostante i nostri sforzi.
Vogliamo comunque sperare che questo giovane faccia parte del fortunato 10%.

Fr Beppe


Nessun commento:

Guarda il video....