Chaaria è un sogno da realizzare giorno per giorno.
Un luogo in cui vorrei che tutti i poveri e gli ammalati venissero accolti e curati.
Vorrei poter fare di più per questa gente, che non ha nulla e soffre per malattie facilmente curabili, se solo ci fossero i mezzi.
Vorrei smetterla di dire “vai altrove, perché non possiamo curarti”.
Anche perché andare altrove, qui, vuol dire aggiungere altra fatica, altro sudore, altro dolore, per uomini, donne e bambini che hanno già camminato per giorni interi.
E poi, andare dove?
Gli ospedali pubblici hanno poche medicine, quelli privati sono troppo costosi.
Ecco perché penso, ostinatamente, che il nostro ospedale sia un segno di speranza per questa gente. Non ci sarà tutto, ma facciamo il possibile. Anzi, l’impossibile.
Quello che mi muove, che ci muove, è la carità verso l’altro, verso tutti. Nessuno escluso.
Gesù ci ha detto di essere presenti nel più piccolo e nel più diseredato.
Questo è quello che facciamo, ogni giorno.

Fratel Beppe Gaido

venerdì 25 marzo 2016

Ken Mwenda

Con questo breve post, tutti noi di Chaaria vogliamo esprimere la nostra sincera riconoscenza per il continuo sostegno che ci viene puntualmente offerto dalla Associazione Binario per l'Africa, che, pur essendo ora prioritariamente impegnata in Etiopia, non dimentica però Chaaria.
Abbiamo infatti appena ricevuto il prezioso bonifico annuale che ci aiuta a prenderci cura di Ken Mwenda, da loro sostenuto e sponsorizzato ormai da molti anni.
Ken è in buona salute e non si sono problemi particolari al suo riguardo.
Ci sembra molto sereno e ci pare che abbia completamente superato l'impatto emotivo che la morte della sua nonna aveva indubbiamente avuto su di lui.
Ora Ken è solo al mondo, ma ci siamo noi di Chaaria e sempre ci sono gli amici di Binario per l'Africa.
Ancora grazie per il loro sostegno. Il Signore Risorto li ricompensi per la loro generosità nei confronti dei piccoli e dei poveri.

Fr Beppe


Nessun commento:


Chaaria è un sogno da realizzare giorno per giorno.

Un luogo in cui vorrei che tutti i poveri e gli ammalati venissero accolti e curati.

Vorrei poter fare di più per questa gente, che non ha nulla e soffre per malattie facilmente curabili, se solo ci fossero i mezzi.

Vorrei smetterla di dire “vai altrove, perché non possiamo curarti”.

Anche perché andare altrove, qui, vuol dire aggiungere altra fatica, altro sudore, altro dolore, per uomini, donne e bambini che hanno già camminato per giorni interi.

E poi, andare dove?

Gli ospedali pubblici hanno poche medicine, quelli privati sono troppo costosi.

Ecco perché penso, ostinatamente, che il nostro ospedale sia un segno di speranza per questa gente. Non ci sarà tutto, ma facciamo il possibile. Anzi, l’impossibile.

Quello che mi muove, che ci muove, è la carità verso l’altro, verso tutti. Nessuno escluso.

Gesù ci ha detto di essere presenti nel più piccolo e nel più diseredato.

Questo è quello che facciamo, ogni giorno.


Fratel Beppe Gaido


Guarda il video....