Chaaria è un sogno da realizzare giorno per giorno.

Un luogo in cui vorrei che tutti i poveri e gli ammalati venissero accolti e curati.

Vorrei poter fare di più per questa gente, che non ha nulla e soffre per malattie facilmente curabili, se solo ci fossero i mezzi.

Vorrei smetterla di dire “vai altrove, perché non possiamo curarti”.

Anche perché andare altrove, qui, vuol dire aggiungere altra fatica, altro sudore, altro dolore, per uomini, donne e bambini che hanno già camminato per giorni interi.

E poi, andare dove?

Gli ospedali pubblici hanno poche medicine, quelli privati sono troppo costosi.

Ecco perché penso, ostinatamente, che il nostro ospedale sia un segno di speranza per questa gente. Non ci sarà tutto, ma facciamo il possibile. Anzi, l’impossibile.

Quello che mi muove, che ci muove, è la carità verso l’altro, verso tutti. Nessuno escluso.

Gesù ci ha detto di essere presenti nel più piccolo e nel più diseredato.

Questo è quello che facciamo, ogni giorno.


Fratel Beppe Gaido


venerdì 18 febbraio 2011

Il nuovo vaccino antipneumococco

Ogni anno circa 35.000 bambini muoiono di polmonite in Kenya. Una morte pediatrica su cinque e’ attribuibile alla malattia.
Alla fine di gennaio il Presidente della Repubblica del Kenya ha voluto fare un regalo a tutti i bambini della Nazione di eta’ inferiore all’anno. E’ un regalo che augura una vita piu’ ricca di salute e meno esposta a rischi di morte precoce.
Ha infatti lanciato un nuovo vaccino antipneumococcico da praticare gratuitamente insieme agli altri gia’ in uso.
Si spera di riuscire a vaccinare 970.000 bambini contro lo pneumococco nel 2011.
Chaaria e’ uno dei centri prescelti in cui il vaccino e’ arrivato per il nuovo programma.
Anche questo vaccino costituisce una pietra miliare  per tentare di adempiere il punto  numero quattro del “Millennium Development Goals”, e cioe’ la riduzione di due terzi della mortalita’ infantile entro il 2015.

Fr Beppe Gaido

Fonti
- Daily Nation, 15 Febbraio 2011

Nessun commento:

Guarda il video....