Chaaria è un sogno da realizzare giorno per giorno.

Un luogo in cui vorrei che tutti i poveri e gli ammalati venissero accolti e curati.

Vorrei poter fare di più per questa gente, che non ha nulla e soffre per malattie facilmente curabili, se solo ci fossero i mezzi.

Vorrei smetterla di dire “vai altrove, perché non possiamo curarti”.

Anche perché andare altrove, qui, vuol dire aggiungere altra fatica, altro sudore, altro dolore, per uomini, donne e bambini che hanno già camminato per giorni interi.

E poi, andare dove?

Gli ospedali pubblici hanno poche medicine, quelli privati sono troppo costosi.

Ecco perché penso, ostinatamente, che il nostro ospedale sia un segno di speranza per questa gente. Non ci sarà tutto, ma facciamo il possibile. Anzi, l’impossibile.

Quello che mi muove, che ci muove, è la carità verso l’altro, verso tutti. Nessuno escluso.

Gesù ci ha detto di essere presenti nel più piccolo e nel più diseredato.

Questo è quello che facciamo, ogni giorno.


Fratel Beppe Gaido


lunedì 12 marzo 2012

Agire o astenerci?


Antony si presenta in condizioni pessime.
Ha gli occhi infossati e suda freddo.
La palpazione addominale e’ chiaramente suggestiva  di peritonite. La diagnosi viene ulteriormente  supportata dalla leucocitosi neutrofila all’emocromo.  L’ecografia poi conferma l’ipotesi, indicando anse intestinali paralitiche e dilatate, ed una notevole quantita’ di fluido libero in peritoneo.
Io sono da solo e non ho chirurghi italiani in questo momento. Tento quindi di convincere i parenti a dirigersi in un altro ospedale dove ci sia un chirurgo esperto; ma essi mi dicono che sono gia’ stati mandati via dall’ospedale pubblico a causa dello sciopero, e che a Chogoria non ci possono andare per motivi economici.
Si tratta quindi di prendere una decisione: ci provo, o lo lascio morire di peritonite?
Jesse si e’ rivelato subito interventista e mi ha spinto all’operazione.
Abbiamo quindi optato per aprire quella pancia: dapprima ci siamo trovati di fronte solo ad un quadro estremo di peritonite, con abbondante materiale biliare e  alimentare in cavita’ addominale. Dopo aver aspirato generosamente, ci siamo resi conto che tutta la matassa intestinale era estremamente eritematosa e dilatata; inoltre era avvolta da aderenze e fibrina che contribuivano al quadro occlusivo.
Il problema era che non riuscivamo a trovare il buco da cui tutta quella porcheria usciva… pensavamo ad una perforazione ileale da tifo (da noi relativamente frequente), ma le anse erano integre, seppur molto sofferenti.
Pero’, staccando le aderenze con calma, siamo lentamente arrivati alla zona sotto-epatica, ed abbiamo visto la causa della peritonite: si trattava di un’ulcera duodenale perforata.
La sutura del duodeno e’ stata piuttosto complicata in quanto Antony aveva anche una epatomegalia che copriva in parte la zona, riducendo quindi la visibilita’ e lo spazio di manovra del porta-aghi. Con calma ci siamo comunque riusciti.
Abbiamo quindi proceduto alla lisi di tutte le adesioni, ed allo svuotamento delle anse dilatate con sondino nasogastrico. Dopo abbondante lavaggio della cavita’ peritoneale con fisiologica sterile, abbiamo richiuso: sono state circa due ore e mezza di operazione.
Il risveglio dall’anestesia non ha dato problemi.
Il malato e’ ora in quarta giornata post-operatoria, e sta recuperando normalmente, anche se le sue condizioni rimangono gravi.
Onestamente siamo molto contenti della nostra decisione  di vincere la paura e di operare, ed ancora una volta ci siamo resi conto che “la necessita’ aguzza l’ingegno”.
Personalmente ringrazio il Signore che mi ha aiutato in questo intervento, e dopo di Lui ringrazio tutti i chirurghi italiani che continuamente mi spingono a credere in me stesso, anche per la chirurgia intestinale, che secondo me e’ veramente difficile e rischiosa.
Fr Beppe Gaido


Nessun commento:

Guarda il video....