Chaaria è un sogno da realizzare giorno per giorno.

Un luogo in cui vorrei che tutti i poveri e gli ammalati venissero accolti e curati.

Vorrei poter fare di più per questa gente, che non ha nulla e soffre per malattie facilmente curabili, se solo ci fossero i mezzi.

Vorrei smetterla di dire “vai altrove, perché non possiamo curarti”.

Anche perché andare altrove, qui, vuol dire aggiungere altra fatica, altro sudore, altro dolore, per uomini, donne e bambini che hanno già camminato per giorni interi.

E poi, andare dove?

Gli ospedali pubblici hanno poche medicine, quelli privati sono troppo costosi.

Ecco perché penso, ostinatamente, che il nostro ospedale sia un segno di speranza per questa gente. Non ci sarà tutto, ma facciamo il possibile. Anzi, l’impossibile.

Quello che mi muove, che ci muove, è la carità verso l’altro, verso tutti. Nessuno escluso.

Gesù ci ha detto di essere presenti nel più piccolo e nel più diseredato.

Questo è quello che facciamo, ogni giorno.


Fratel Beppe Gaido


sabato 14 aprile 2012

Ricordando il Dott. Aldo Bergamasco


Aldo e’ stato per anni un fedele volontario della Associazione di volontari che sostiene l’ospedale St Orsola di Materi, in Tharaka.
Chaaria ha sempre collaborato bene con Materi, particolarmente per consulenze, ecografie, ECG ed ecocardio … e questo soprattutto grazie alla grande stima che Rita Drago ha per noi, e che ha trasmesso ai volontari piu’ fedeli.
E’ grazie a tale amicizia con Materi che Aldo ha voluto venire a Chaaria a novembre scorso per un bel mese di volontariato. Ricordo che lui e Luciana non ci hanno voluto disturbare neppure per il trasporto dall’aeroporto a Chaaria: sono infatti arrivati a loro spese con un taxi.
Aldo e’ sempre stato molto defilato ed umile, ed anche quando c’e’ stata una settimana in cui c’erano altri due ginecologi (il Prof Fasolino e la figlia Carmen), lui si e’ dedicato con piacere all’ambulatorio ed alla sala parto, lasciando ai colleghi la sala operatoria.
Aldo comunque non mi ha mai detto di no per i cesarei notturni!
Inoltre e’ stato lui ad insegnarmi la tecnica dello screening con acido acetico e lugol per il carcinoma della cervice.
Grande sostenitore del parto naturale ogni qualvolta fosse possibile, e’ stato sempre molto attento a non prescrivere cesarei che non fossero strettamente necessari: ricordo due casi in cui per paura delle condizioni del feto, io avrei certamente cesarizzato la mamma...invece mi sono fidato della sua esperienza, ed entrambi i bambini sono nati bene.
Rammento con pace la sua voce soffice e pacata che riusciva ad infondere calma anche nei momenti piu’ tesi; rivedo la gioia nei suoi occhi quando, durante il cesareo, estraeva un bambino forte e vivace ed esclamava: “questa e’ la chirurgia piu’ bella del mondo perche’ collabori ad una nuova vita”.
Con commozione ricordo lui e Luciana unirsi a noi anche per la messa feriale in parrocchia in certi giorni importanti per la fede cristiana.
Un altro ricordo che ho di lui e’ il vederlo sempre con il libro di ginecologia aperto, ogni volta che c’era un buco tra un paziente e l’altro… Aldo si documentava sempre, ed ancora era vorace di nuove conoscenze!
Ma soprattutto ricordo la gentilezza e la bonta’ nei confronti delle donne che seguiva : era molto dolce, e non l’ho mai percepito nervoso o alterato in alcun modo.
Anche con me e’ stato di una bonta’ non comune, sempre tenero ed accogliente come un padre. Respiravo la sua stima ad ogni commento sul mio operato e su Chaaria in generale. Faceva ambulatorio nel mio studio a motivo dell’ecografo piu’ nuovo, e questo ci ha dato molte occasioni di confronto e di dialogo.
Sono felice che durante il mese a Chaaria Aldo sia riuscito anche a recarsi a Materi un sabato mattina: ha potuto cosi’ rivedere per l’ultima volta il suo primo ospedale africano. Quel giorno, in un mercatino del Taharka,  lui e Luciana hanno comprato del tessuto sgargiante di colori e me lo hanno regalato per la mia mamma.
Mi spiace che la nostra collaborazione si sia ora prematuramente interrotta, ma sappiamo di avere un altro amico in Cielo.
Fr Beppe Gaido



4 commenti:

Anonimo ha detto...

Quando ho appreso della morte di Aldo non potevo crederci, la prima cosa a cui ho pensato é stata l'oscura volontà di Dio, che ha voluto strappare ai suoi cari e amici una persona tanto generosa e temperante, caro Aldo hai donato molto in questa terra con il tuo aiuto, adesso finalmente potrai godere i frutti di ciò che hai seminato...Ti ricorderò sempre nelle mie preghiere
Manuela Smeriglio

Anonimo ha detto...

Vi siamo vicini.

Stefania
per Amici di Ampasilava Madagascar ONLUS

Anonimo ha detto...

Ho appreso sabato sera della scomparsa del Dott. Aldo.
Il Dott. ha seguito mia madre per tutte e tre le gravidanze ha fatto nascere me e i miei fratelli. Ne hoo sempre sentito parlare bene tant'è che ha seguito la mia prima gravidanza tre anni fa!!! Bhe che dire un uomo veramente speciale aveva sempre il sorriso stampato in faccia.... Ha lasciato veramente un bel ricordo in me e sicuramente in tutti quelli che lo hanno conosciuto!!!! RIPOSI IN PACE DOTTORE DAL CUORE GRANDE!!!

Anonimo ha detto...

Caro Aldo hai fatto parte dei due momenti più belli della mia vita, quando sono nata io ( mi hai fatto nascere tu) e quando è nata mia figlia ( e mi hai seguito tu )eri un dottore, un amico, un confidente.Dopo tanti tentativi ora finalmente sono di nuovo incinta e tu non ci sei.Ma so di sicuro che mi seguirai ugualmente.Ti immagino con quel sorriso di sempre , ti abbraccio forte.Grazie

Guarda il video....