Chaaria è un sogno da realizzare giorno per giorno.
Un luogo in cui vorrei che tutti i poveri e gli ammalati venissero accolti e curati.
Vorrei poter fare di più per questa gente, che non ha nulla e soffre per malattie facilmente curabili, se solo ci fossero i mezzi.
Vorrei smetterla di dire “vai altrove, perché non possiamo curarti”.
Anche perché andare altrove, qui, vuol dire aggiungere altra fatica, altro sudore, altro dolore, per uomini, donne e bambini che hanno già camminato per giorni interi.
E poi, andare dove?
Gli ospedali pubblici hanno poche medicine, quelli privati sono troppo costosi.
Ecco perché penso, ostinatamente, che il nostro ospedale sia un segno di speranza per questa gente. Non ci sarà tutto, ma facciamo il possibile. Anzi, l’impossibile.
Quello che mi muove, che ci muove, è la carità verso l’altro, verso tutti. Nessuno escluso.
Gesù ci ha detto di essere presenti nel più piccolo e nel più diseredato.
Questo è quello che facciamo, ogni giorno.

Fratel Beppe Gaido

domenica 20 luglio 2014

Impegni associativi

Vi comunico i prossimi impegni associativi che avranno luogo nei Locali della Piccola Casa della Divina Provvidenza - via Cottolengo 13 - Torino

- Sabato 25 ottobre e domenica 26 ottobre p.v.:
Selezione e formazione dei nuovi aspiranti volontari e contestuale aggiornamento obbligatorio per i volontari che intendono recarsi in Missione a Chaaria e Tachina

- Sabato 13 dicembre: 
Concerto natalizio

Dal mese di ottobre sarà possibile acquistare .
Il calendario 2015 il cui ricavato andrà a favore delle missioni di Chaaria e Tachina le magliette pro Chaaria
ll libro " Ad un passo dal cuore "

Per eventuali prenotazioni inviare una mail a Bruno Castellino br1caste@libero.it o Lino Marchisio linomarchisio@vodafone.it




Sarà nostra cura coordinare la distribuzione con la collaborazione dei Referenti Regionali.

Entro il mese di settembre verranno comunicati nel dettaglio i piani di lavoro previsti durante la formazione ed il programma del concerto natalizio.
Buona estate a tutti.

Il Consiglio Direttivo

Nessun commento:


Chaaria è un sogno da realizzare giorno per giorno.

Un luogo in cui vorrei che tutti i poveri e gli ammalati venissero accolti e curati.

Vorrei poter fare di più per questa gente, che non ha nulla e soffre per malattie facilmente curabili, se solo ci fossero i mezzi.

Vorrei smetterla di dire “vai altrove, perché non possiamo curarti”.

Anche perché andare altrove, qui, vuol dire aggiungere altra fatica, altro sudore, altro dolore, per uomini, donne e bambini che hanno già camminato per giorni interi.

E poi, andare dove?

Gli ospedali pubblici hanno poche medicine, quelli privati sono troppo costosi.

Ecco perché penso, ostinatamente, che il nostro ospedale sia un segno di speranza per questa gente. Non ci sarà tutto, ma facciamo il possibile. Anzi, l’impossibile.

Quello che mi muove, che ci muove, è la carità verso l’altro, verso tutti. Nessuno escluso.

Gesù ci ha detto di essere presenti nel più piccolo e nel più diseredato.

Questo è quello che facciamo, ogni giorno.


Fratel Beppe Gaido


Guarda il video....