Chaaria è un sogno da realizzare giorno per giorno.

Un luogo in cui vorrei che tutti i poveri e gli ammalati venissero accolti e curati.

Vorrei poter fare di più per questa gente, che non ha nulla e soffre per malattie facilmente curabili, se solo ci fossero i mezzi.

Vorrei smetterla di dire “vai altrove, perché non possiamo curarti”.

Anche perché andare altrove, qui, vuol dire aggiungere altra fatica, altro sudore, altro dolore, per uomini, donne e bambini che hanno già camminato per giorni interi.

E poi, andare dove?

Gli ospedali pubblici hanno poche medicine, quelli privati sono troppo costosi.

Ecco perché penso, ostinatamente, che il nostro ospedale sia un segno di speranza per questa gente. Non ci sarà tutto, ma facciamo il possibile. Anzi, l’impossibile.

Quello che mi muove, che ci muove, è la carità verso l’altro, verso tutti. Nessuno escluso.

Gesù ci ha detto di essere presenti nel più piccolo e nel più diseredato.

Questo è quello che facciamo, ogni giorno.


Fratel Beppe Gaido


domenica 19 ottobre 2014

Serata Villa Devoto Pangher (Cagliari)

Carissimi amici di Chaaria,
stiamo attraversando un periodo molto intenso nell'impegno per la nostra "missione" che ha visto il nostro gruppo organizzare diverse manifestazioni per la raccolta fondi destinata all'acquisto della ambulanza per Chaaria.
Oltre alla serata in discoteca, serata salsa e tango, cena africana, ieri abbiamo concluso la annuale festa a Villa Devoto alla quale partecipasti anche tu l'anno scorso.
In effetti siamo oramai arrivati alla cifra necessaria per l'acquisto della ambulanza che verrà completata dalla serata teatrale che si terrà in data 9 novembre. 
Dopo tale data, cioè fra 20 giorni, si potrà fare l'ordine d'acquisto della ambulanza.
Noi ci vedremo personalmente fra circa 3 mesi.
Un abbraccio affettuoso sia da me che da Francesca.

Dr Luciano Cara




Nessun commento:

Guarda il video....