Chaaria è un sogno da realizzare giorno per giorno.
Un luogo in cui vorrei che tutti i poveri e gli ammalati venissero accolti e curati.
Vorrei poter fare di più per questa gente, che non ha nulla e soffre per malattie facilmente curabili, se solo ci fossero i mezzi.
Vorrei smetterla di dire “vai altrove, perché non possiamo curarti”.
Anche perché andare altrove, qui, vuol dire aggiungere altra fatica, altro sudore, altro dolore, per uomini, donne e bambini che hanno già camminato per giorni interi.
E poi, andare dove?
Gli ospedali pubblici hanno poche medicine, quelli privati sono troppo costosi.
Ecco perché penso, ostinatamente, che il nostro ospedale sia un segno di speranza per questa gente. Non ci sarà tutto, ma facciamo il possibile. Anzi, l’impossibile.
Quello che mi muove, che ci muove, è la carità verso l’altro, verso tutti. Nessuno escluso.
Gesù ci ha detto di essere presenti nel più piccolo e nel più diseredato.
Questo è quello che facciamo, ogni giorno.

Fratel Beppe Gaido

lunedì 7 dicembre 2015

Lettera di Antonio

Carissimo Fratel Beppe,
ho appena finito di leggere il tuo diario sul blog.
Per me è come essere a Chaaria.
Proprio ieri ho letto un pensiero di Madre Teresa di Calcutta e subito mi  sei venuto in mente tu.
Ti riporto la parte che sembra scritta da te: "Quando ci occupiamo dei malati e dei bisognosi tocchiamo il corpo  sofferente di Cristo e il contatto con quest'ultimo ci rende eroici; ci  aiuta a dimenticare la repulsione e le tendenze che ci sono naturali.
Per vedere Cristo nel corpo martoriato e negli abiti sudici che celano il  più bello dei figli dell'uomo ci servono gli occhi della fede più profonda. 
Per toccare i corpi straziati dal dolore e dalla sofferenza avremo bisogno  delle mani di Cristo. L'amore intenso non misura, si limita a dare.".
Buona Festa dell'Immacolata!
Un abbraccio fraterno!

Antonio

Nessun commento:


Chaaria è un sogno da realizzare giorno per giorno.

Un luogo in cui vorrei che tutti i poveri e gli ammalati venissero accolti e curati.

Vorrei poter fare di più per questa gente, che non ha nulla e soffre per malattie facilmente curabili, se solo ci fossero i mezzi.

Vorrei smetterla di dire “vai altrove, perché non possiamo curarti”.

Anche perché andare altrove, qui, vuol dire aggiungere altra fatica, altro sudore, altro dolore, per uomini, donne e bambini che hanno già camminato per giorni interi.

E poi, andare dove?

Gli ospedali pubblici hanno poche medicine, quelli privati sono troppo costosi.

Ecco perché penso, ostinatamente, che il nostro ospedale sia un segno di speranza per questa gente. Non ci sarà tutto, ma facciamo il possibile. Anzi, l’impossibile.

Quello che mi muove, che ci muove, è la carità verso l’altro, verso tutti. Nessuno escluso.

Gesù ci ha detto di essere presenti nel più piccolo e nel più diseredato.

Questo è quello che facciamo, ogni giorno.


Fratel Beppe Gaido


Guarda il video....