Chaaria è un sogno da realizzare giorno per giorno.
Un luogo in cui vorrei che tutti i poveri e gli ammalati venissero accolti e curati.
Vorrei poter fare di più per questa gente, che non ha nulla e soffre per malattie facilmente curabili, se solo ci fossero i mezzi.
Vorrei smetterla di dire “vai altrove, perché non possiamo curarti”.
Anche perché andare altrove, qui, vuol dire aggiungere altra fatica, altro sudore, altro dolore, per uomini, donne e bambini che hanno già camminato per giorni interi.
E poi, andare dove?
Gli ospedali pubblici hanno poche medicine, quelli privati sono troppo costosi.
Ecco perché penso, ostinatamente, che il nostro ospedale sia un segno di speranza per questa gente. Non ci sarà tutto, ma facciamo il possibile. Anzi, l’impossibile.
Quello che mi muove, che ci muove, è la carità verso l’altro, verso tutti. Nessuno escluso.
Gesù ci ha detto di essere presenti nel più piccolo e nel più diseredato.
Questo è quello che facciamo, ogni giorno.

Fratel Beppe Gaido

sabato 29 ottobre 2011

Leprosy

It is actually very rare to be observed in Chaaria, although we can receive patients with signs of old, healed infection.
They normally present with absent toes or/and fingers; another frequent feature is the lateral eyebrow loss or ‘madarosis’. A good number of them are nearly blind due to previous eye involvement.
Many of them still complain of anesthesia on the affected limbs.
We have now received a patient with an active leprosy (I believe tuberculoid, paucybacillary leprosy).
He shows typical skin lesions (with anesthesia, raised edges, lack of sweating and discoloration), and a clear nerve induration.
The diagnosis has been confirmed with skin biopsy.
According to the WHO guidelines, the patient has been put on multi-drug therapy (Rifampicin, Dapsone, Clofazimine).
We have accepted him, after he has been referred to us from our Sisters in Gatunga Catholic Dispensary (Tharaka).
Apart from offering treatment and close follow up of possible drug side effects, we are also on the watch for promptly identifying and treating reactions and nerve damage.
We have already started counseling sessions on adherence to treatment regimes, and on behaviors the patient will adopt to prevent disability.
One of the reasons of leprosy being nearly eradicated may be the widespread use of the BCG vaccine for TB. In fact there is a substantial cross reactivity between the “bacille Calmette-Guerin” and Mycobacterium Leprae, which has been exploited worldwide in attempts to develop a vaccine against leprosy. The protection is not 100%, but according to many studies can reach up to 56%.

Bro Dr Beppe Gaido



Nessun commento:


Chaaria è un sogno da realizzare giorno per giorno.

Un luogo in cui vorrei che tutti i poveri e gli ammalati venissero accolti e curati.

Vorrei poter fare di più per questa gente, che non ha nulla e soffre per malattie facilmente curabili, se solo ci fossero i mezzi.

Vorrei smetterla di dire “vai altrove, perché non possiamo curarti”.

Anche perché andare altrove, qui, vuol dire aggiungere altra fatica, altro sudore, altro dolore, per uomini, donne e bambini che hanno già camminato per giorni interi.

E poi, andare dove?

Gli ospedali pubblici hanno poche medicine, quelli privati sono troppo costosi.

Ecco perché penso, ostinatamente, che il nostro ospedale sia un segno di speranza per questa gente. Non ci sarà tutto, ma facciamo il possibile. Anzi, l’impossibile.

Quello che mi muove, che ci muove, è la carità verso l’altro, verso tutti. Nessuno escluso.

Gesù ci ha detto di essere presenti nel più piccolo e nel più diseredato.

Questo è quello che facciamo, ogni giorno.


Fratel Beppe Gaido


Guarda il video....