Chaaria è un sogno da realizzare giorno per giorno.
Un luogo in cui vorrei che tutti i poveri e gli ammalati venissero accolti e curati.
Vorrei poter fare di più per questa gente, che non ha nulla e soffre per malattie facilmente curabili, se solo ci fossero i mezzi.
Vorrei smetterla di dire “vai altrove, perché non possiamo curarti”.
Anche perché andare altrove, qui, vuol dire aggiungere altra fatica, altro sudore, altro dolore, per uomini, donne e bambini che hanno già camminato per giorni interi.
E poi, andare dove?
Gli ospedali pubblici hanno poche medicine, quelli privati sono troppo costosi.
Ecco perché penso, ostinatamente, che il nostro ospedale sia un segno di speranza per questa gente. Non ci sarà tutto, ma facciamo il possibile. Anzi, l’impossibile.
Quello che mi muove, che ci muove, è la carità verso l’altro, verso tutti. Nessuno escluso.
Gesù ci ha detto di essere presenti nel più piccolo e nel più diseredato.
Questo è quello che facciamo, ogni giorno.

Fratel Beppe Gaido

venerdì 18 novembre 2011

Fortunatamente era benigna!

Forse i lettori piu' assidui del blog ricorderanno il bellissimo intervento chirurgico, con cui il Prof Salvatore Costa e la Dottoressa Viviana Russo (con la nostra umile collaborazione) hanno salvato la vita di una paziente con addome acuto. 
Si pensava ad una cisti ovarica torta, ed invece all'apertura della pancia abbiamo visto questa cosa stranissima che le aveva causato un volvolo del tenue. 
L'intervento ed il post-operatorio erano stati ottimi, e certamente la signora era stata salvata dalla morte per occlusione intestinale. Rimaneva ancora il dubbio sulla natura della formazione cistica. 
Finalmente e' arrivato l'istologico, ed il risultato e' stato di LINFANGIOMA; si tratta dunque di una cisti benigna... e quindi da questo momento possiamo dichiarare la paziente completamente guarita. Anche a nome suo rinnovo la profonda riconoscenza ed ammirazione verso Salvo e Viviana. 

Fr Beppe Gaido

 

Nessun commento:


Chaaria è un sogno da realizzare giorno per giorno.

Un luogo in cui vorrei che tutti i poveri e gli ammalati venissero accolti e curati.

Vorrei poter fare di più per questa gente, che non ha nulla e soffre per malattie facilmente curabili, se solo ci fossero i mezzi.

Vorrei smetterla di dire “vai altrove, perché non possiamo curarti”.

Anche perché andare altrove, qui, vuol dire aggiungere altra fatica, altro sudore, altro dolore, per uomini, donne e bambini che hanno già camminato per giorni interi.

E poi, andare dove?

Gli ospedali pubblici hanno poche medicine, quelli privati sono troppo costosi.

Ecco perché penso, ostinatamente, che il nostro ospedale sia un segno di speranza per questa gente. Non ci sarà tutto, ma facciamo il possibile. Anzi, l’impossibile.

Quello che mi muove, che ci muove, è la carità verso l’altro, verso tutti. Nessuno escluso.

Gesù ci ha detto di essere presenti nel più piccolo e nel più diseredato.

Questo è quello che facciamo, ogni giorno.


Fratel Beppe Gaido


Guarda il video....