Chaaria è un sogno da realizzare giorno per giorno.
Un luogo in cui vorrei che tutti i poveri e gli ammalati venissero accolti e curati.
Vorrei poter fare di più per questa gente, che non ha nulla e soffre per malattie facilmente curabili, se solo ci fossero i mezzi.
Vorrei smetterla di dire “vai altrove, perché non possiamo curarti”.
Anche perché andare altrove, qui, vuol dire aggiungere altra fatica, altro sudore, altro dolore, per uomini, donne e bambini che hanno già camminato per giorni interi.
E poi, andare dove?
Gli ospedali pubblici hanno poche medicine, quelli privati sono troppo costosi.
Ecco perché penso, ostinatamente, che il nostro ospedale sia un segno di speranza per questa gente. Non ci sarà tutto, ma facciamo il possibile. Anzi, l’impossibile.
Quello che mi muove, che ci muove, è la carità verso l’altro, verso tutti. Nessuno escluso.
Gesù ci ha detto di essere presenti nel più piccolo e nel più diseredato.
Questo è quello che facciamo, ogni giorno.

Fratel Beppe Gaido

sabato 4 febbraio 2012

Thank you very much, Lincoln


Today Lincoln leaves Chaaria to continue his experience in Mikinduri with the Canadian doctors coming for the annual free camp of the “Mikinduri Children of Hope Organization”.
Lincoln has been in Chaaria for a full month and he has been wonderful in his job.
He has worked as Internal Medicine Doctor in our general ward, and we have greatly appreciate his expertise, his commitment and his ability to cooperate with everybody.
We will really miss him, and sincerely hope that one day or another he will be able to come again to help us in Chaaria.
He will still be in Mikinduri up to the 22nd of this month; so we will still meet him,
But we have already committed him to spread the news about Chaaria in New York and in the USA, hoping to start an ongoing cooperation with that English speaking Country.
Best wishes for your specialization courses and for all the future dreams of your life.
It has been very good to stay with you!
Now Chaaria has a foothold in North America (both in Canada and in the States), and we hope our cooperation will grow further as it has already happened with Poland.
 
Bro Beppe Gaido  


Nessun commento:


Chaaria è un sogno da realizzare giorno per giorno.

Un luogo in cui vorrei che tutti i poveri e gli ammalati venissero accolti e curati.

Vorrei poter fare di più per questa gente, che non ha nulla e soffre per malattie facilmente curabili, se solo ci fossero i mezzi.

Vorrei smetterla di dire “vai altrove, perché non possiamo curarti”.

Anche perché andare altrove, qui, vuol dire aggiungere altra fatica, altro sudore, altro dolore, per uomini, donne e bambini che hanno già camminato per giorni interi.

E poi, andare dove?

Gli ospedali pubblici hanno poche medicine, quelli privati sono troppo costosi.

Ecco perché penso, ostinatamente, che il nostro ospedale sia un segno di speranza per questa gente. Non ci sarà tutto, ma facciamo il possibile. Anzi, l’impossibile.

Quello che mi muove, che ci muove, è la carità verso l’altro, verso tutti. Nessuno escluso.

Gesù ci ha detto di essere presenti nel più piccolo e nel più diseredato.

Questo è quello che facciamo, ogni giorno.


Fratel Beppe Gaido


Guarda il video....