Chaaria è un sogno da realizzare giorno per giorno.

Un luogo in cui vorrei che tutti i poveri e gli ammalati venissero accolti e curati.

Vorrei poter fare di più per questa gente, che non ha nulla e soffre per malattie facilmente curabili, se solo ci fossero i mezzi.

Vorrei smetterla di dire “vai altrove, perché non possiamo curarti”.

Anche perché andare altrove, qui, vuol dire aggiungere altra fatica, altro sudore, altro dolore, per uomini, donne e bambini che hanno già camminato per giorni interi.

E poi, andare dove?

Gli ospedali pubblici hanno poche medicine, quelli privati sono troppo costosi.

Ecco perché penso, ostinatamente, che il nostro ospedale sia un segno di speranza per questa gente. Non ci sarà tutto, ma facciamo il possibile. Anzi, l’impossibile.

Quello che mi muove, che ci muove, è la carità verso l’altro, verso tutti. Nessuno escluso.

Gesù ci ha detto di essere presenti nel più piccolo e nel più diseredato.

Questo è quello che facciamo, ogni giorno.


Fratel Beppe Gaido


lunedì 30 maggio 2016

Sicilia: Progetto lettura a Barcellona (ME)

Il volo è andato benissimo.
Aereo pienissimo ed in perfetto orario.
E’ stato bello per me partire per questa esperienza siciliana insieme a Mariapia Bonanate, che sarà con me per le presentazioni in Sicilia.
Io presenterò solo a Milazzo, ma lei anche a Lipari domani.
Grazie all’Associazione Matumaini di Milazzo che ci ha accolti con affetto e con tante attenzioni: Biagio e Chiara erano già all’aeroporto di Catania ad attenderci per portarci a destinazione.
L’albergo riservato per noi stupendo, certamente al di sopra delle nostre aspettative; il pranzo con Carmen, Charlotte e la famiglia di Biagio un vero momento di accoglienza ed amicizia; la pizza con Paolo e sua moglie un momento importante anche per programmare future collaborazioni nell’ambito del volontariato a Chaaria.
Il primo appuntamento della nostra testimonianza in Sicilia si è svolto in una scuola superiore di Barcellona (quella in provincia di Messina), dove abbiamo incontrato i ragazzi del biennio per presentare sia la missione di Chaaria e sia i libri “Ad un passo dal cuore” e “Polvere Rossa”.


Gli studenti del biennio di queste scuole, da alcuni anni, sono coinvolti in una bella iniziativa culturale che si chiama appunto “progetto lettura”: a loro vengono proposti dei libri che alcune classi leggono ed approfondiscono con gli insegnanti; durante l’anno scolastico ci saranno riunioni ed incontri di studio sui libri stessi; alla fine del progetto gli studenti presenteranno il libro in seduta plenaria a tutti gli altri ragazzi dell’istituto.
E’ un grande onore per me e per Chaaria che per il prossimo anno scolatico i libri prescenti sino appunto “Ad un passo dal cuore” e “Polvere Rossa”.
L’incontro con i ragazzi oggi è stato molto caldo ed emotivamente partecipato. Sono certo che tale iniziativa aiuterà molti a crescere nella mondialità e nell’amore verso l’umanità sofferente, che già in Sicilia si incontra così frequentemente con gli sbarchi degli scafisti.
Ringrazio tutti i ragazzi che leggeranno i libri e si faranno portavoci del messaggio che essi contengono anche con i loro compagni di scuola e con le loro famiglie.
Tra poco presenteremo il libro polvere Rossa a Milazzo durante l’apericena.

Fr Beppe Gaido


Nessun commento:

Guarda il video....