Chaaria è un sogno da realizzare giorno per giorno.
Un luogo in cui vorrei che tutti i poveri e gli ammalati venissero accolti e curati.
Vorrei poter fare di più per questa gente, che non ha nulla e soffre per malattie facilmente curabili, se solo ci fossero i mezzi.
Vorrei smetterla di dire “vai altrove, perché non possiamo curarti”.
Anche perché andare altrove, qui, vuol dire aggiungere altra fatica, altro sudore, altro dolore, per uomini, donne e bambini che hanno già camminato per giorni interi.
E poi, andare dove?
Gli ospedali pubblici hanno poche medicine, quelli privati sono troppo costosi.
Ecco perché penso, ostinatamente, che il nostro ospedale sia un segno di speranza per questa gente. Non ci sarà tutto, ma facciamo il possibile. Anzi, l’impossibile.
Quello che mi muove, che ci muove, è la carità verso l’altro, verso tutti. Nessuno escluso.
Gesù ci ha detto di essere presenti nel più piccolo e nel più diseredato.
Questo è quello che facciamo, ogni giorno.

Fratel Beppe Gaido

martedì 14 marzo 2017

Notte e giorno

I pazienti arrivano a frotte e non ce la facciamo proprio più.
E' molto dura quando, come oggi, hai ben tre chiamate durante la notte (a mezzanotte, alle tre ed alle quattro e mezza), e poi devi continuare tutto il giorno non-stop, saltando anche la cena e rimanendo in sala fino alle 23.
L'area più critica rimane certamente la maternità, dove spesso dobbiamo far partorire anche sul pavimento perchè non ci sono barelle a sufficienza.
Le liste operatorie sono ormai ipotetiche, e sempre molto condizionate dal numero dei cesarei urgenti, totalmente fuori controllo ed impossibili da prevedere.
Abbiamo ambulanze in continuazione da altre strutture che ci portano pazienti gravissimi, e noi qui a boccheggiare ed a fare tutto quello che possiamo, con le poche forze che ci rimangono.
Certo che in questa situazione ai pazienti non riusciamo a dare il massimo, ma posso assicurarvi che a loro diamo tutto quello che possiamo.

fr Beppe

Nessun commento:


Chaaria è un sogno da realizzare giorno per giorno.

Un luogo in cui vorrei che tutti i poveri e gli ammalati venissero accolti e curati.

Vorrei poter fare di più per questa gente, che non ha nulla e soffre per malattie facilmente curabili, se solo ci fossero i mezzi.

Vorrei smetterla di dire “vai altrove, perché non possiamo curarti”.

Anche perché andare altrove, qui, vuol dire aggiungere altra fatica, altro sudore, altro dolore, per uomini, donne e bambini che hanno già camminato per giorni interi.

E poi, andare dove?

Gli ospedali pubblici hanno poche medicine, quelli privati sono troppo costosi.

Ecco perché penso, ostinatamente, che il nostro ospedale sia un segno di speranza per questa gente. Non ci sarà tutto, ma facciamo il possibile. Anzi, l’impossibile.

Quello che mi muove, che ci muove, è la carità verso l’altro, verso tutti. Nessuno escluso.

Gesù ci ha detto di essere presenti nel più piccolo e nel più diseredato.

Questo è quello che facciamo, ogni giorno.


Fratel Beppe Gaido


Guarda il video....